“L’esperienza di debolezza e del limite che abbiamo vissuto in questi ultimi anni, e ora la tragedia di una guerra con ripercussioni globali, devono insegnare qualcosa di decisivo: non siamo al mondo per sopravvivere, ma perché a tutti sia consentita una vita degna e felice. Il messaggio di Gesù ci mostra la via e ci fa scoprire che c’è una povertà che umilia e uccide, e c’è un’altra povertà, la sua, che libera e rende sereni.

La povertà che uccide è la miseria, figlia dell’ingiustizia, dello sfruttamento, della violenza e della distribuzione ingiusta delle risorse. È la povertà disperata, priva di futuro, perché imposta dalla cultura dello scarto che non concede prospettive né vie d’uscita…Quando l’unica legge diventa il calcolo del guadagno a fine giornata, allora non si hanno più freni ad adottare la logica dello sfruttamento delle persone: gli altri sono solo dei mezzi…

La povertà che libera, al contrario, è quella che si pone dinanzi a noi come una scelta responsabile per alleggerirsi della zavorra e puntare sull’essenziale…Incontrare i poveri permette di mettere fine a tante ansie e paure inconsistenti, per approdare a ciò che veramente conta nella vita e che nessuno può rubarci: l’amore vero e gratuito.”

Queste, le parole di Papa Francesco nel suo messaggio per la VI Giornata Mondiale dei #Poveri che celebreremo Domenica prossima 13 Novembre, con l’auspicio che ciascuno impari sempre più a tenere lo sguardo fisso su Gesù, il quale «da ricco che era, si è fatto povero per noi, perché noi diventassimo ricchi per mezzo della sua povertà»

Post correlato

29 Novembre 2022

Accendiamo l’Albero insieme ai Bambini

Una grande festa di Natale dedicata specialmente ai più

26 Novembre 2022

26esima Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

Dal messaggio di Papa Francesco per la VI Giornata